[Consejo de Política Fiscal y Financiera, 31/7/2013] Regime finanziario “differenziato” per le Comunità autonome spagnole (ma solo per il 2013)

Madrid, Real Casa de la Aduana (sede del Ministero)

Nella riunione dello scorso 31 luglio il Consiglio di Politica Fiscale e Finanziaria spagnolo (CPFF), organo composto dal Ministro delle Finanze e delle Pubbliche Amministrazioni (Hacienda y Administraciones Públicas) e dagli assessori regionali competenti, ha fissato criteri variabili per le finanze autonomiche con riferimento al 2013.

In via del tutto eccezionale (così si legge nel comunicato stampa del CPFF diramato lo stesso giorno), vengono stabiliti obiettivi diversi di deficit per ciascuna Comunità autonoma a seconda della situazione economica e dello sforzo fiscale precedente.

I parametri di consolidamento fiscale che erano stati fissati per il 2012, infatti, sono stati rispettati solo da una parte delle amministrazioni regionali, e, alla luce di tale asimmetria, quelle adempienti sono state premiate con un regime più favorevole rispetto a quelle inadempienti.

In particolare, le cinque Comunità che nel 2012 avevano raggiunto un livello di deficit superiore a quello autorizzato – vale a dire l’Andalusia, la Catalogna, le Baleari, Murcia e la Comunità valenziana –, oltre ad essere gravate da maggiori sacrifici, hanno dovuto sottoporre allo stesso CPFF un “piano economico-finanziario” contenente misure volte a ridurre le spese e aumentare le entrate (va detto che il CPFF ha considerato adeguati i piani proposti da tutte le Comunità autonome interessate).

All’estremo opposto rispetto a questi casi si colloca l’Estremadura, che ha chiuso l’anno con il deficit minore in assoluto. La stessa, tuttavia, essendo stata capace di farlo in virtù di una situazione eccezionale – l’esecuzione di una sentenza del Tribunale costituzionale – che non si ripeterà nuovamente nel 2013, viene assoggettata a una sorta di regime transitorio.

Anche gli obiettivi relativi al debito per il 2013 sono stati parametrati sul livello di indebitamento al dicembre 2012, sul deficit prefissato e sulle necessità finanziarie di ciascuna Comunità autonoma (si va dall’11,8% della Comunità di Madrid al 31,3% della Comunità valenziana).

Sabrina Ragone

Foto | Wikipedia.org

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Comunità autonome spagnole e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a [Consejo de Política Fiscal y Financiera, 31/7/2013] Regime finanziario “differenziato” per le Comunità autonome spagnole (ma solo per il 2013)

  1. Hi there, You’ve done a great job. I will certainly digg
    it and personally suggest to my friends. I’m sure they will
    be benefited frdom this website.

  2. manabadi.com ha detto:

    Manabadi AP Inter very first & second Many years End result 2013 Board of Intermediate Schooling
    , Manabadi , Andhra Pradesh released the 1st calendar year effects for the
    Basic

  3. Selena Gomez Songs ha detto:

    I am sure this article has touched all the internet
    visitors, its really really good article on building up new website.

  4. hello!,I really like your writing so so much! percentage
    we keep in touch more approximately your post on AOL? I need a specialist in this house to solve my problem.
    Maybe that’s you! Having a look ahead to look you.

I commenti sono chiusi.