[Corte cost. sentt. n. 182 del 9 luglio 2013 e n. 188 del 12 luglio 2013] L’Energia fra “gestione del territorio” e “tutela dell’ambiente”: lo strapotere dello Stato nella continua disputa con le Regioni davanti alla Corte costituzionale

L'Aquila, Palazzo Silone (sede della Regione Abruzzo)

Con le sentenze nn. 182 e 188 del 2013 la Corte si trova ancora una volta a dirimere controversie fra Stato e Regioni in materia di “gestione del territorio” e “tutela dell’ambiente”.

Per quanto riguarda la prima, il Giudice delle Leggi ha dichiarato l’incostituzionalità dell’art. 3 della l.r. dell’Abruzzo n. 28 del 2012 che stabiliva l’incompatibilità assoluta fra le zone sismiche di prima categoria del territorio regionale e la realizzazione di gasdotti e oleodotti di maggiori dimensioni, al fine di tutelare il territorio regionale, con una disciplina più stringente, rispetto alla normativa nazionale.

La Corte infatti, nell’individuare immediatamente l’ambito competenziale della disciplina impugnata nella “gestione del territorio” e nella “produzione e trasporto nazionale dell’energia”, afferma che il parametro di costituzionalità è in questo caso costituito dall’art. 117 co. III Cost., ma anche dall’art. 1 della Legge n. 239/2004 e dall’art. 29, comma 2, lettera g), del Decreto Legislativo 31 marzo 1998, n. 112. Il primo riserva allo Stato, d’intesa con la Conferenza unificata, «l’identificazione delle linee fondamentali dell’assetto del territorio nazionale con riferimento all’articolazione territoriale delle reti infrastrutturali energetiche dichiarate di interesse nazionale ai sensi delle leggi vigenti» e «l’individuazione della rete nazionale dei gasdotti» (art. 1 commi 7, lettera g), e 8, lettera b), n. 2); il secondo riserva esclusivamente allo Stato funzioni amministrative e autorizzatorie in materia di impianti costituenti parte della rete energetica nazionale  (come già riconosciuto dalla stessa Corte con sentenze n. 313/2010 e n. 383/2005).

Per cui, sebbene la disciplina regionale fosse più stringente, la Corte sceglie di cavalcare l’onda delle “esigenze di carattere unitario” invocate dalla legislazione nazionale, ritenute “ancora più pressanti” in zone sismiche. Lo strumento attraverso il quale realizzare il coinvolgimento di entrambi gli Enti è l’intesa ed è dunque per la violazione del principio di leale collaborazione che la disposizione regionale, che prevede “a priori” l’incompatibilità fra la localizzazione e la realizzazione di gasdotti e oleodotti di maggiori dimensioni e le zone sismiche di prima categoria, sebbene maggiormente garantista, deve essere dichiarata incostituzionale.

Con la sentenza n. 188 del 2013 invece la Corte giudica fondata la questione di legittimità costituzionale sollevata dal TAR Sardegna, il quale aveva impugnato l’art. 5, co. XXVIII della legge della Regione Autonoma della Sardegna nella parte in cui disponeva che gli impianti eolici con potenza complessiva inferiore o uguale a 60 kW sono considerati minieolici e non sono assoggettati alle procedure di valutazione di impatto ambientale. In particolare, il giudice amministrativo riscontrava una violazione dell’art. 117, co. II, lett s), Cost. che affida alla potestà legislativa esclusiva dello Stato la “materia valore” della tutela dell’ambiente.

In questo caso, parametro interposto è considerato anche l’Allegato III alla Parte II del d.lgs. n. 152/2006 (Norme in materia ambientale), il quale nella lettera c-bis) impone la procedura di valutazione di impatto ambientale per tutti gli impianti eolici, senza alcuna esclusione dei “sotto soglia”, prevedendo dunque la partecipazione obbligatoria del rappresentante del Ministero per i beni e le attività culturali.

Tale obbligo è infatti posto a tutela del “valore della tutela ambientale” (così come già affermato in C. cost. n. 127/2010) e dunque la norma regionale impugnata risulta evidentemente invasiva del citato ambito di competenza statale esclusiva. Sul punto la costante giurisprudenza della Corte ha affermato ripetutamente che  specifici interventi legislativi regionali sono ammessi, se però siano espressivi di competenze proprie della Regione stessa (cfr. C. cost. n. 67, 192 e 227/2011 e 58/2013). (Sullo stesso argomento si veda in questo blog R. Di Maria, VAS e VIA: l’infinito “rimpallo” Stato-Regioni, a commento di C. cost. n. 178 del 2013).

In questi due casi, dunque, la materia della energia, intesa in senso ampio e ricomprendendovi il suo trasporto e la sua produzione, nonché la realizzazione delle infrastrutture a ciò idonee, diviene terreno di scontro fra Stato e Regioni, perché capace di incidere su competenze legislative concorrenti e esclusive (i.e. “materia valore” come la tutela dell’ambiente). Ma sia che le Regioni adottino discipline più stringenti (come nel citato caso dell’Abruzzo), sia che ne adottino di maggiormente elastiche (come nel caso della Sardegna) rispetto alla normativa nazionale, la Corte decide di far pendere comunque il piatto della bilancia dalla parte di quest’ultimo, ingenerando così la ulteriore proliferazione di ricorsi.

Maria Esmeralda Bucalo

Foto | Wikipedia.org

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Energia, Giurisprudenza costituzionale, Regione Abruzzo, Regione Sardegna, Tutela dell'ambiente e dell'ecosistema e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

7 risposte a [Corte cost. sentt. n. 182 del 9 luglio 2013 e n. 188 del 12 luglio 2013] L’Energia fra “gestione del territorio” e “tutela dell’ambiente”: lo strapotere dello Stato nella continua disputa con le Regioni davanti alla Corte costituzionale

  1. Diego Parente ha detto:

    Tutti decreti non reali l ‘esplosione avvenuta ad aulla ha dimostrato che occorrono tecnici preparati e che gli attuali impianti e i futuri non rispettano le sicurezze reali in caso di esplosioni, pero per gli introiti di 3o4 persone si continua anche politicamente a infestare il nostro bel paese di impianti molto pericolosi e che a noi non danno nessun beneficio, basti pensare che le nuove dorsali servono per portare gas in europa.

  2. Fabrizio Martinelli ha detto:

    Ci pare che la sentenza della Corte Costituzionale n. 188 del 12 luglio 2013 ignori le seguenti leggi dello stato
    DLGs 387 2003 Art.12 par 5 – All. 1Tab A),
    Legge n. 244 del 24 dicembre 2007 art.2 C. 161,
    DLGs 10 settembre 2010 etc
    generando grave disorientamento delle imprese che intraprendono investimenti nel settore delle energie rinnovabili come quelle del cosiddetto minieolico, in quanto dalla legge dello stato suesposta che riprende il DLGs 152 del 2006 citato proprio dalla Corte Costituzionale nella sentenza 188 come legge insuperabile dello stato, risulta proprio che sono esclusi dai procedimenti di VIA gli impinti eolici di potenza inferiore a 1 MW ed in particolare quelli inferiori a 60Kw sottoposti addirittura a procedimenti autorizzativi semplificati come la DIA proprio per incentivare gli investimenti e l’occupazione in questo settore; ignorare nella sentenza leggi succesive dello stato crea non poca confusione e incertezza nelle imprese peraltro sollevando dubbi anche sul fatto che Leggi dello Stato (ignorate come in questo caso) possono essere superate o modificate dal poteri diverso (come quello della Corte Coattuzionale)

  3. Hector ha detto:

    But in the new and healthy way to reap the benefits of the best for you.

    The principles of vaporization are fairly simple. Hi guys, jaSz again for
    another review, I’ll talk about this e-juices, from health-e-vape, It’s a desssrt type of e-juice, a
    sweeet e-juice and a liquor type of e-juice.

  4. What’s Happening i’m new to this, I stumbled upon this I’ve discovered It absolutely helpful and it has aided
    me out loads. I am hoping to contribute & help other customers like its helped me.
    Great job.

  5. grange ha detto:

    Spot on with this write-up, I honestly feel this web site needs far more attention. I’ll probably be back again to
    read through more, thanks for the information!

  6. Storage ha detto:

    Yes! Finally someone writes about health.

  7. vape ha detto:

    This article provides clear idea in support of the
    new users of blogging, that in fact how to do blogging.

I commenti sono chiusi.