[Corte cost. n. 6/2013] Norme regionali, distanze legali tra edifici e «ordinamento civile»

Urbino

La Corte di Cassazione, nel dicembre 2011, solleva questione di costituzionalità dell’art. 1, secondo comma, di una legge regionale delle Marche (n. 31/1979), laddove consente ampliamenti di edifici in deroga ai piani regolatori generali e alle norme statali sulle distanze legali tra edifici.

La Cassazione rileva come la soluzione del giudizio posto al suo esame concerne proprio l’accertamento della violazione delle distanze legali, che potrebbe essere esclusa solo sulla base della normativa regionale (mentre andrebbe affermata in forza dell’applicazione della disciplina nazionale). I giudici di legittimità, allora, dubitano che la Regione potesse individuare distanze minime inferiori a quelle fissate dalla disciplina nazionale (qui rappresentata dal d.m. n. 1444/1968), perchè, così facendo, ha travalicato la materia di competenza concorrente («governo del territorio») interferendo sulla disciplina delle distanze tra edifici, rientrante nella materia di competenza esclusiva «ordinamento civile».

La Corte costituzionale – con la sentenza qui sintetizzata – reputa fondata la questione così sollevata, argomentando, anche mediante il richiamo a decisioni precedenti, nel modo che segue:

i) la regolazione delle distanze tra fabbricati «attiene in via primaria e diretta ai rapporti tra proprietari di fondi finitimi e ha la sua collocazione innanzi tutto nel codice civile»;

ii) essa trova completamento in ulteriori interventi normativi di fonte statale (tra cui, appunto, il d.m. n. 1444/1968);

iii) la disciplina dei fabbricati è anche oggetto della concorrente competenza regionale in materia di «governo del territorio»;

iv) in linea di principio, la disciplina delle distanze minime tra costruzioni rientra nell’ordinamento civile; «alle Regioni è consentito fissare limiti in deroga alle distanze minime stabilite nelle normative statali, solo a condizione che la deroga sia giustificata dall’esigenza di soddisfare interessi pubblici legali al governo del territorio»;

v) in conclusione, la legislazione regionale che interviene in tale ambito «è legittima solo in quanto persegue chiarmaente finalità di carattere urbanistico, rimettendo l’operatività dei suoi precetti a strumenti urbanistici funzionali ad un assetto complessivo ed unitario di determinate zone del territorio»;

vi) nel caso specifico, la disposizione contestata della legge regionale delle Marche viola la legislazione statale, nella misura in cui autorizza i Comuni ad individuare edifici dispensati dal rispetto delle distanze minime: la deroga «non risulta ancorata all’esigenza di realizzare la conformazione omogenea dell’assetto urbanistico di una determinata zona, ma può riguardare singole costruzioni, anche individualmente considerate».  Per tale ragione, la norma regionale eccede la competenza sul «governo del territorio» e viola il limite dell’«ordinamento civile».

La Corte costituzionale, dunque, boccia la norma della legge regionale marchigiana, ma con una valutazione che, in definitiva, cerca di trovare un punto di equilibrio tra materie tra le quali può sorgere un conflitto di non facile soluzione: il risultato, a mio avviso, è apprezzabile perchè, da una parte, valorizza l’autonomia regionale (in questo settore sicuramente garantita dalla presenza di una materia di competenza concorrente, dichiaratamente destinata a dotare le Regioni di una potestà regolatrice del territorio), ma, dall’altra, evita sconfinamenti irragionevoli sul versante del diritto privato cui tocca, com’è noto, la disciplina generale (e nazionale) delle distanze legale tra edifici.

Alberto Maria Benedetti

(Università di Genova)

Foto | Flickr.it

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Giurisprudenza costituzionale, Regione Marche e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a [Corte cost. n. 6/2013] Norme regionali, distanze legali tra edifici e «ordinamento civile»

  1. supplements ha detto:

    Aside from the protein, eggs also have a healthful reserve of
    Omega 3 fatty acids, which is excellent for the heart and boosts power levels.

  2. Antoine ha detto:

    For most recent news you have to go to see web and on web I found this website as a finest web page for newest updates.

  3. pure yacon reviews ha detto:

    Whats up are using WordPress for your site platform?
    I’m new to the blog world but I’m trying to get started and create my
    own. Do you require any html coding knowledge to make
    your own blog? Any help would be greatly appreciated!

  4. Pingback: easymedia.kr

I commenti sono chiusi.