Province: abuso dell’istituto del commissariamento

Mario Monti 1

La soluzione che si è delineata, dopo la mancata conversione del decreto-legge n. 188/2012 sul riordino delle Province e l’entrata in vigore della legge di stabilità per il 2013, prevede, in attesa della approvazione della legge elettorale, una proroga del commissariamento fino al 31 dicembre 2013 per le Province già commissariate ed il commissariamento per quelle in scadenza nel 2013. Tutte le altre, invece, andranno a scadenza naturale.

Ora, sono del parere che ricorrere al commissariamento, per ragioni del tutto estranee a quelle che giustificano l’adozione delle ordinarie misure di controllo sugli organi dell’ente locale, appare di dubbia costituzionalità. Infatti, secondo l’art. 141 del testo unico sugli enti locali, esso riguarda casi di gravi e persistenti violazioni di legge da parte degli organi ordinari dell’ente, ovvero situazioni nelle quali detti organi non sono in grado di funzionare regolarmente. L’estensione della disciplina prevista dal citato art. 141 a una fattispecie del tutto estranea non può non apparire manifestamente irragionevole e, pertanto, illegittima anche per violazione dell’art. 3 Cost.

Giova ricordare, a questo proposito, che la Corte costituzionale, con riferimento alla fattispecie del tutto particolare di scioglimento dei Consigli degli enti locali per infiltrazioni mafiose, ha affermato che “l’aspetto proprio delle autonomie, quale quello della rappresentatività degli organi di amministrazione”, garantito, in sé, dall’art. 5 Cost., può solo temporaneamente cedere di fronte alla necessità di assicurare l’ordinato svolgimento della vita delle comunità locali (cfr. Corte cost., 19 marzo 1993, n. 103). La lesione dell’autonomia dell’ente che il provvedimento di scioglimento comporta non può, tuttavia, certamente giustificarsi in un’ipotesi in cui, come nel caso di specie, non sussista alcun pericolo per l’ordinato svolgimento della vita delle comunità locali, né, più in generale, alcuna delle ulteriori ragioni che possono legittimarlo in base alla disciplina del testo unico, ma solo la ragione, di mera opportunità politica, di precludere il rinnovo degli organi di governo in base alla normativa precedente.

Daniele Trabucco

Foto | Flickr.it

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Enti locali, Province e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Province: abuso dell’istituto del commissariamento

  1. One or two days is not recommended by this writer or most experienced neuro-musculo-skeletal practitioners.
    Some pool repair redding cas primarily treat the spine, which can lead to immobility and inability to
    work caused by the loss of around 5m working days. Unfortunately,
    there are lots of methods to create changes in tissue and movement patterns to ultimately restore function.
    What may I experience during the amazing gift of giving life.
    Broken bones also present the same case.

  2. find out more ha detto:

    Today, entire college programs are done online and students are now able too earn degrees with
    minimal class room time. This kind of certification is beneficial for nurses and doctors working in pediatrics and paramedics
    health care sectors. Some people will prefer to teach CPR to the general public.

I commenti sono chiusi.