[Corte costituzionale, sent. n. 296/2012] Livelli essenziali e servizi sociali: è salva la legge toscana istitutiva dal fondo sulla non autosufficienza che introduce criteri ulteriori per regolare l’accesso ad alcuni servizi sociali agevolati

Roma, Palazzo della ConsultaCon la pronuncia in commento la Corte interviene a fare chiarezza sulla delicata questione relativa alla legittimità di criteri ulteriori rispetto a quelli previsti dalla vigente normativa sull’ISEE, per regolare l’accesso a servizi agevolati, questione che ha portato ad un acceso contenzioso di cui è stato più volte dato conto su questo blog (si veda A. Candido, Cons. St., sentt. nn. 4071, 4077, 4085/2012 Sulle rette RSA il Consiglio di Stato ribadisce: l’accesso dei non autosufficienti all’assistenza rientra nei livelli essenziali).

La sentenza origina dalla questione di legittimità costituzionale sollevata dal Tribunale amministrativo regionale per la Toscana in riferimento all’articolo 14, comma 2, lettera c), della legge regionale n. 66 del 2008 istitutiva del fondo regionale per la non autosufficienza. Esso prevede che «in via transitoria, e in attesa della definizione dei livelli essenziali di assistenza sociale e del loro relativo finanziamento» siano previste forme di compartecipazione ai costi delle prestazioni «non coperte dai livelli essenziali di assistenza sanitaria», secondo livelli di reddito e patrimoniali diversificati, tenendo conto dei principi in materia di indicatore della situazione economica equivalente (ISEE) contenuti nel decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 109. Il comma 2 lettera c) del medesimo art. 14 dispone che nel caso di prestazioni di tipo residenziale a favore di persone disabili la quota di compartecipazione dovuta dalla persona ultrasessantacinquenne «sia calcolata tenendo conto altresì della situazione reddituale e patrimoniale del coniuge e dei parenti in linea retta entro il primo grado».

Il Tar Toscana ha sollevato questione di legittimità costituzionale di questa ultima disposizione per violazione dell’art. 117, comma 2, lett. m, Cost. in quanto essa introdurrebbe un criterio diverso (e peggiorativo) da quello previsto dall’art. 3 comma 2 ter del d. lgs. n. 109/1998, secondo il quale, in relazione alle modalità di compartecipazione al costo della prestazione a favore di soggetti ultrasessantacinquenni con handicap permanente grave, occorre considerare la situazione economica del solo assistito.

Il giudice remittente ha aderito infatti all’interpretazione con la quale il Consiglio di Stato, nella sentenza del 16 marzo 2011, n. 1607 (per un commento alla decisione si veda, su questo blog, M. Massa, Cons. St., sez. V, n. 1607/2011, Rette delle residenze assistite, livelli essenziali e diritti dei disabili: il Consiglio di Stato prende posizione), ed in altre pronunce (tra cui Cons. St., sent. n. 5782/2012, commentata da A. Candido, Aspettando la Corte, il Consiglio di Stato conferma il proprio orientamento sulle rette RSA), ha statuito l’immediata applicabilità della citata norma statale, anche in assenza dell’adozione del d.P.C.M. previsto dalla medesima disposizione, in quanto l’evidenziazione della situazione economica del solo assistito costituirebbe livello essenziale delle prestazioni sociali, da garantire su tutto il territorio nazionale.

Con la pronuncia in commento la Corte costituzionale ha ritenuto non fondata la questione sottoposta al suo esame, escludendo che l’art. 3, comma 2 ter, rappresenti espressione della competenza esclusiva statale di cui all’ art. 117, secondo comma, lettera m), Cost, con ciò sconfessando il recente  orientamento del giudice amministrativo in materia, che peraltro trovava fondamento anche nella lettera della Convenzione di New York del 13 dicembre 2006 sui diritti delle persone con disabilità, ratificata dalla legge 3 marzo 2009, n. 18 (come noto, infatti, la Convenzione richiede, all’art. 3, la valorizzazione della dignità intrinseca,dell’autonomia individuale e dell’indipendenza della persona disabile ed impone agli Stati aderenti di valorizzare la persona in sé, come soggetto autonomo, a prescindere dal contesto familiare in cui è collocato).

In primo luogo, ad avviso della Corte, il d.P.C.M. richiamato nella succitata disposizione avrebbe dovuto indicare, oltre alle norme sul metodo di calcolo della situazione economica equivalente, le prestazioni sociali comprese «nell’ambito di percorsi assistenziali integrati di natura sociosanitaria», nonché meglio definire, sotto un profilo soggettivo, le categorie dei destinatari di tali prestazioni.  In questo senso, il citato art. 3 appare alla Corte quale « norma contenente principi e criteri direttivi» da attuarsi nel successivo decreto allo scopo di perseguire diverse finalità, tra cui quella di favorire la permanenza dell’assistito presso il nucleo familiare di appartenenza. Pertanto non parrebbe che la considerazione del reddito del solo assistito per calcolare la compartecipazione a prestazioni sociali agevolate debba realizzarsi per tutte le prestazioni  astrattamente erogabili nei confronti della generalità delle persone disabili con attestazione di gravità ai sensi della legge 5 febbraio 1992, n. 104. Il d.P.C.M. avrebbe (dovuto avere) insomma una portata restrittiva, che non pare però desumersi dall’art. 3 comma 2-ter del d. lgs. n. 109/1998.

La Corte richiama la sua ampia elaborazione in merito alla natura ed ai requisiti dei livelli essenziali delle prestazioni, per sottolineare che la norma da ultimo citata né individua «standard strutturali e qualitativi di prestazioni che, concernendo il soddisfacimento di diritti civili e sociali, devono essere garantiti, con carattere di generalità, a tutti gli aventi diritto», né determina specifiche prestazioni con riferimento alle quali assicurare il livello essenziale di erogazione.

Peraltro, ricorda la Corte, indicazioni operative per risolvere il caso sottoposto al suo giudizio non possono derivare neanche dalla riforma complessiva dell’ISEE annunciata all’art. 5 del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201 (Disposizioni urgenti per la crescita, l’equità e il consolidamento dei conti pubblici), convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214, in quanto essa non ha trovato finora attuazione.

Per rafforzare le conclusioni alle quali giunge, e salvare quindi la disposizione regionale considerata dal giudice remittente lesiva del nucleo essenziale del diritto all’assistenza per i soggetti non autosufficienti, la Corte richiama l’incidenza che la riforma costituzionale del 2001 ha avuto sulla legge quadro 8 novembre 2000, n. 328 (e alla procedura lì prevista per la definizione dei livelli essenziali ad opera del Piano nazionale), rimarcando più volte il mancato intervento del legislatore statale nella definizione dei livelli essenziali in ambito sociale. E, sul punto, paiono interessanti le considerazioni che il Giudice delle Leggi avanza con riferimento alle considerevoli riduzioni delle risorse destinate dalle annuali leggi finanziarie al comparto sociale, riduzioni che avrebbero reso ancor più gravoso (per le Regioni) far fronte alla lacuna normativa.

Ne è un chiaro esempio la vicenda che ha interessato il Fondo per la non autosufficienza: istituito con la legge 27 dicembre 2006, n. 296, è passato dai 300 milioni di euro del 2008, ai 400 milioni del 2009 e 2010, fino ad essere azzerato negli anni 2011-2012 e solo oggi è stato rifinanziato ad opera della legge 24 dicembre 2012, n. 228 – Legge di stabilità 2013 – con una dotazione ordinaria di 275 milioni di euro per l’anno 2013. Pare evidente che con tale altalenante andamento dei finanziamenti sia quanto mai difficile effettuare una adeguata programmazione degli interventi, ad opera anche di quelle regioni che, pur istituendo propri fondi, hanno operato in questi anni in un quadro di finanza impositiva praticamente bloccato.

E’ probabilmente soprattutto a partire da queste considerazioni, e quindi per «motivi di sostenibilità finanziaria», che la Corte è giunta a salvare la disposizione della legge toscana, la quale, al pari di quanto previsto in altre leggi regionali, ha inteso introdurre solo in via transitoria delle forme di compartecipazione ai costi delle prestazioni non coperti dai livelli essenziali di assistenza sanitaria, al fine di rispondere al meglio, nel quadro normativo e finanziario dato, alle esigenze espresse dal proprio territorio.

                                                                                                                      Elena Vivaldi

Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa

Foto | Flcikr.it

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Assistenza, Giurisprudenza costituzionale, Livelli essenziali, Regione Toscana e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

25 risposte a [Corte costituzionale, sent. n. 296/2012] Livelli essenziali e servizi sociali: è salva la legge toscana istitutiva dal fondo sulla non autosufficienza che introduce criteri ulteriori per regolare l’accesso ad alcuni servizi sociali agevolati

  1. tinnitus miracle ha detto:

    The bulk of the book describes the appropriate selection of therapies that got
    rid of his tinnitus.

  2. Virgie ha detto:

    Quality posts is the main to attract the users to pay a quick visit the website, that’s what this web page is providing.

  3. Pingback: [Ordinanza n. 207/2013] L’insostenibile pesantezza del welfare. La compartecipazione alla spesa socio-sanitaria in un caso trentino | Diritti regionali

  4. kohls coupon code ha detto:

    I all the time emailed this webpage post page to all my contacts, because
    if like to read it then my contacts will too.

  5. glamour ha detto:

    Good post. I learn something new and challenging on sites I stumbleupon everyday.
    It’s always exciting to read through content from other
    writers and use a little something from other
    sites.

  6. The treatment is relatively painless and gives very good results for
    those that are good candidates. The spacing of procedures is recommended to give the follicles that were in their “resting” state or not
    actively growing during your preceding procedure to get in
    their active phase and grow hair. The pressure is on for our celebrities to look perfect every
    second they are in the public eye, which is why so many of them call on the skilled hands of plastic surgeons, wardrobe specialists and now, laser hair
    removal experts. The Photo – Wiz Photo – Freebies collection
    contains 11 different plugins that are quite useful when making color adjustments to a digital photograph.
    Anytime there is an inflammatory stimulus, melanocytes might be triggered to produce extra melanin as part of the healing process.

  7. Hi there, after reading this remarkable piece of writing i am
    as well delighted to share my familiarity here with colleagues.

  8. My spouse and I stumbled over here different website and thought I may as well check things
    out. I like what I see so now i am following you.
    Look forward to looking at your web page again.

  9. We’re a group of volunteers and opening a brand new scheme in our
    community. Your site offered us with valuable information to work on.

    You have done a formidazble job and our whole community will be grateful
    to you.

  10. In “Blaster, Dragon Ruler in the Infernos” you’ll
    receive the tin’s namesake, a jaw dropping awesome secret rare you need to add
    for a fire based dragon deck that your particular opponent could have a tough time dealing
    with. Upper Deck has long been an advocate of halting counterfeits of it’s own cards coming from mainland
    China and after this this latest pronouncement in the court puts nearly
    everything the organization does in question in
    the minds of collectors. Card Text: “Elemental Hero Avian” + “Elemental Hero Sparkman” + “Elemental Hero Bubbleman” This monster
    can not be Special Summoned except by Fusion Summon.

  11. Once you are done i – Tunes may tell you that you will need to plug
    into your computer and download it from that version of i – Tunes.

    Imagine the scenario whenever a singer approaches you and
    also asks in case you remember what the sojg was they sang a cpuple weeks
    earlie at one of the other gigs. With the increasing use with the Internet, the business enterprise of
    e-publishers and e-bookstores can also be increasing.

    Here is my site … How to get free itunes money –http://howtogetfreeitunesmoney.webs.com,

  12. new project ha detto:

    Initially, the eyes will feel uncomfortable with soreness and possibly tears.
    However, before you do something like coloring your hair make sure you really want to do it.

    One of the most common procedures is breast surgery.

  13. fishwest deals ha detto:

    Good post. I was checking out continually this website that i’m astounded! Extremely helpful details especially the last step 🙂 My spouse and i preserve such information a lot. I used to be in search of this specified information and facts for your quite a while. Appreciate it plus all the best !.

  14. Pingback: Best Kitchen Ewloe

  15. the venus factor ha detto:

    Have you ever considered about adding a little bit
    more than just your articles? I mean, what you say
    is valuable and everything. However think about if
    you added some great graphics or video clips to give your posts more, “pop”!
    Your content is excellent but with pics and video clips, this
    website could definitely be one of the greatest in its niche.
    Great blog!

  16. I do not know whether it’s just me or if perhaps everybody else experiencing
    issues with your site. It appears as though some of the written text on your content are running off the
    screen. Can somebody else please comment and let me know if this is happening
    to them as well? This could be a issue with my internet browser because I’ve had
    this happen previously. Many thanks

  17. Wow, that’s what I was searching for, what a information! present here at
    this web site, thanks admin of this web page.

  18. Renato ha detto:

    What i don’t realize is in fact how you’re no longer really
    much more neatly-favored than you may be now. You are so intelligent.

    You know therefore significantly in the case of this topic,
    made me individually believe it from numerous numerous angles.

    Its like women and men aren’t interested except
    it’s one thing to do with Girl gaga! Your own stuffs
    excellent. At all times maintain it up!

  19. Poznaj fakty ha detto:

    I read this article fully regarding the comparison of newest and earlier technologies, it’s remarkable article.

  20. cccamlux.net ha detto:

    Hello,Nice to see this site up
    If you need to buy a cccam premium subscription i
    reccomend cccamcloud(dot)com
    I think theey are the only ones who still provide HD channels

  21. Everyone loves what you guys are up too. This kind of clever work and reporting!
    Keep up the awesome works guys I’ve included you guys to my own blogroll.

  22. rental advertising ha detto:

    Can I simply just say what a relief to discover
    somebody who genuinely understands what they’re discussing on the net.
    You definitely realize how to bring a problem to light and make it important.
    More people need to check this out and understand this side of the
    story. I can’t believe you are not more popular because you definitely possess the gift.

  23. top porn videos ha detto:

    Hey! This post could not be written any better!Reading this post reminds
    me of my good old room mate! He always kept talking abut
    this. I will forward this post to him. Fairly certain he will have a good read.
    Many thanks for sharing!

  24. internet business ha detto:

    If you are going for most excellent contents like I do, simply pay a visit this website
    everyday because it gives quality contents, thanks

  25. Hi, constantly i used too check webpage posts here in the early hours in the break oof day,
    because i loge to learn more and more.

I commenti sono chiusi.