[TAR Campania – Napoli n. 8 del 3 gennaio 2012] L’assessore comunale, già eletto consigliere, cessa automaticamente dalla carica elettiva al momento della accettazione nomina

Con sentenza n. 8 del 3 gennaio 2012 il TAR Campania – Napoli ha rigettato il ricorso di alcuni assessori del Comune di Casoria, eletti consiglieri nella consultazione elettorale del 15 e 16 maggio 2011.

In particolare, i ricorrenti impugnavano la delibera comunale con la quale venivano sostituiti nella carica di consiglieri dai primi candidati risultati non eletti, senza che venisse preventivamente convalidata la loro elezione, dolendosi anche che fosse stata loro notificata la convocazione del Consiglio in qualità di assessori, e ne chiedevano l’annullamento.

Il giudice amministrativo ha ritenuto infondato il ricorso sulla base della chiara lettera dell’art. 64 del D. Lgs. n. 267 del 2000, che precisa che “qualora un consigliere comunale e provinciale assuma la carica di assessore nella rispettiva giunta, cessa dalla carica di consigliere all’atto della accettazione della nomina, ed al suo posto subentra il primo dei non eletti” e che dunque consente di invitare, già in sede di prima convocazione del Consiglio Comunale ex art. 41 del TUEL, non solo i consiglieri eletti (e quindi anche quelli nominati assessori), ma anche i consiglieri subentranti.

La motivazione della decisione, oltre che sul testo della norma, si fonda sulla stessa giurisprudenza amministrativa (TAR Bari, Sez. III, 18.11.2004, n. 5380), che evidenzia che non è necessario un formale atto di dimissioni, essendo automatica sia la cessazione dalla carica che il successivo subentro del primo dei non eletti.

Inoltre il Comune di Casoria dimostrava di seguire la Circolare n. 5/2005 del Ministero dell’Interno, applicativa dell’art. 64 del D. Lgs. n. 267/00, acquisendo, prima di procedere alla convocazione del consiglio comunale, nei giorni successivi alla pubblicazione della proclamazione degli eletti l’Ente locale, le comunicazioni con cui, dopo la proclamazione degli eletti, i ricorrenti confermavano la loro volontà di permanere nelle funzioni di assessori al quale erano stati in precedenza nominati dal Sindaco, per poi successivamente, in virtù dell’automatismo previsto dall’art. 64 T.U.E.L., convocare alla prima seduta direttamente i consiglieri subentranti, in modo da garantire il quorum deliberativo così come peraltro precisato dal Consiglio di Stato nel parere reso dalla I Sezione 13 luglio 2005, n. 2755.

In questo modo i quattro consiglieri subentranti a quelli nominati assessori, convocati alla seduta del consiglio comunale, hanno legittimamente concorso al pari degli altri alla formazione del quorum strutturale, in quanto la cessazione dalla carica di consigliere comunale costituisce un effetto legale automatico della nomina ad assessore, alla quale consegue la sostituzione del medesimo consigliere col primo dei non eletti.

Maria Esmeralda Bucalo

Foto | Giustizia amministrativa

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Enti locali e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a [TAR Campania – Napoli n. 8 del 3 gennaio 2012] L’assessore comunale, già eletto consigliere, cessa automaticamente dalla carica elettiva al momento della accettazione nomina

  1. In the early days many individuals confused Network marketing with that of Pyramids
    Schemes and just wrote it of as being a BIG SCAM. There are
    4 main benefits to joining a low cost network
    marketing company:. If your business seems “fake” to you,
    it won’t ever be real.

I commenti sono chiusi.