[Conseil Constitutionnel, n. 2011-627] La legge organica per l’approvazione di accordi tra lo Stato e le collettività di Saint-Martin, Saint-Barthélemy e della Polinesia francese è conforme alla Costituzione

Con la decisione n. 2011-627 del 12 aprile 2011 il Conseil constitutionnel francese si è pronunciato sulla conformità alla Costituzione della Loi organique tendant à l’approbation d’accords entre l’État et les collectivités territoriales de Saint-Martin, de Saint-Barthélemy et de Polynésie, ai sensi degli artt. 46 e 61 Cost. (che prevedono il controllo preventivo obbligatorio su tale tipologia di fonte).

Il riferimento costituzionale di base è rappresentato dall’art. 74, il quale stabilisce che le collettività d’oltremare sono dotate di un proprio statuto che tiene conto degli interessi propri di ciascuna nel seno della Repubblica. Tale statuto è adottato mediante una legge organica da approvarsi a seguito di un parere dell’Assemblea deliberante e fissa, tra l’altro, le competenze delle collettività stesse.

Il Conseil Constitutionnel richiama, con riferimento alla materia interessata, cioè l’imposizione fiscale, il Code géneral des collectivités territoriales (nello specifico, gli artt. L.O. 6214-3 e L.O. 6314-3), in quanto questo attribuisce competenze in materia di imposte, diritti e tasse (impôts, droits et taxes) alle collettività di Saint-Barthélemy e di Saint-Martin. A proposito della Polinesia francese, la decisione rinvia alla legge organica n. 192 del 2004, che ne contiene lo statuto (in particolare, vengono menzionati gli artt. 13 e 14, entrambi modificati successivamente, rispettivamente nel 2007 e nel 2011).

Nella propria giurisprudenza, invece, i giudici fanno esplicito riferimento a due precedenti pronunce: la n. 2009-597, sulla Loi organique tendant à permettre à Saint-Barthélemy d’imposer les revenus de source locale des personnes établies depuis moins de cinq ans e la n. 2009-598, sulla Loi organique modifiant le livre III de la sixième partie du code général des collectivités territoriales relatif à Saint-Martin, entrambe del 21 gennaio 2010.

La legge organica oggetto del giudizio autorizza l’approvazione di quattro accordi: a) la convenzione del 21 dicembre 2010 tra lo Stato e la collettività di Saint-Martin volta ad evitare la doppia imposizione e a prevenire l’evasione e le frodi fiscali; b) l’accordo del 23 dicembre 2009 tra lo Stato e la medesima collettività sull’assistenza amministrativa mutua in materia fiscale; c) l’accordo del 29 dicembre 2009 tra lo Stato e la collettività della Polinesia francese sull’assistenza amministrativa mutua in materia fiscale; d) l’accordo del 14 settembre 2010 tra lo Stato e la collettività di Saint-Barthélemy sull’assistenza amministrativa mutua in materia fiscale.

Sabrina Ragone

(Università di Bologna)

Foto | Conseil-constitutionnel.fr

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Diritto comparato, Giurisprudenza costituzionale francese e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.