Il Tar Abruzzo annulla la delibera consiliare di nomina del difensore civico regionale

La prima sezione del Tar Abruzzo, con sentenza n. 88 del 2011, ha annullato la delibera consiliare con cui, nel 2009, era stato nominato difensore civico regionale l’avv. Giuliano Grossi. Il ricorso al giudice amministrativo era stato proposto dal precedente difensore civico, l’avv. Nicola Sisti.

Il ricorrente era stato precedentemente nominato con atto del 5 ottobre 2004. In prossimità della scadenza del mandato, essendo stato pubblicato l’avviso per la nomina del nuovo difensore civico, l’avv. Sisti aveva presentato domanda con gli allegati richiesti e nei termini previsti, ma, in seguito ad una convocazione del 17 settembre 2009, nella seduta del 6 ottobre 2009, il Consiglio regionale aveva proceduto alla nomina nella carica dell’avv. Grossi.

Sisti aveva così impugnato la delibera di nomina del suo antagonista, lamentando la violazione dell’art. 10 della legge regionale n. 126/1995. Il terzo comma di tale articolo prevede, infatti, che “il difensore civico dura in carica 5 anni e si intende tacitamente riconfermato una sola volta, ove il Consiglio regionale non provvede nei termini di cui al comma 5” e il quinto comma recita che, “almeno venti giorni prima della scadenza del mandato del Difensore Civico, salva l’applicazione dell’ipotesi di cui al comma 3, il Presidente del Consiglio regionale convoca il Consiglio per provvedere alla nuova nomina“.

Secondo il ricorrente la convocazione sarebbe avvenuta dopo la scadenza del termine previsto, determinandosi così la riconferma tacita del titolare della carica. Il mandato, infatti, era scaduto il 5 ottobre 2009, essendo stato l’avv.  Sisti nominato con deliberazione del 5 ottobre 2004. Pertanto, per evitare la conferma automatica il Consiglio regionale avrebbe dovuto provvedere alla nuova nomina non oltre il 15 settembre 2009, ma la deliberazione – come si è detto – è intervenuta tardivamente il 6 ottobre 2009 quando ormai il mandato si era già tacitamente riconfermato.

Di contro, per la Regione e per il controinteressato, costituitisi in giudizio, la norma si sarebbe dovuta interpretare nel senso che, per evitare la riconferma tacita del difensore civico in carica, sarebbe stato sufficiente effettuare soltanto la convocazione 20 giorni prima della scadenza del mandato, mentre la nomina avrebbe potuto intervenire anche in una data successiva. Allo scopo di individuare il termine in questione, i resistenti avevano contestato l’impostazione del ricorrente secondo cui il 5 ottobre 2009 sarebbe stata la data di scadenza del suo mandato, dovendosi piuttosto far coincidere il termine iniziale con la data della sua nomina. Al contrario, secondo questi ultimi, la decorrenza del mandato sarebbe segnata dalla data di insediamento, in cui il difensore civico entrerebbe effettivamente nel pieno delle sue funzioni.

Il Tar Abruzzo ha accolto il ricorso, affermando che “Le osservazioni difensive dei resistenti riguardo alla differenza ‘ontologica’ tra nomina ed insediamento non hanno la forza di scalfire l’ineliminabile dato che scaturisce dalla norma regionale in esame, che fissa la durata della carica del difensore civico in cinque anni ed impone che la convocazione del Consiglio per la nomina del nuovo titolare debba avvenire un certo periodo ‘prima della scadenza del mandato’. Che tra la nomina e l’insediamento intercorra normalmente un certo periodo di tempo; che taluni effetti della nomina dipendano necessariamente dall’insediamento; che prima dell’insediamento del nuovo titolare siano prorogate le funzioni dell’uscente – sono circostanze che in nulla influiscono sulla decorrenza del termine relativo alla durata della carica“.

Il giudice amministrativo ha quindi chiarito che il termine previsto dalla legge regionale è certamente perentorio e la sua scadenza è idonea a determinare il rinnovo tacito del titolare della carica.

Alessandro Morelli

Foto | Flickr.it

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Giurisprudenza amministrativa, Regione Abruzzo e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.